.
Annunci online

  masaccio R/esistenza attiva nella pianura veneta
 
Diario
 


Endorso anca mi:



Disarmo unilaterale





Io sostengo

Rassegna stampa




Rassegna quotidiana (Camera dei Deputati)


L'amore è una motoslitta che corre all'impazzata nella tundra, poi improvvisamente fa una capriola e si ribalta bloccandoti sotto.
Di notte arrivano i lupi.

[Matt Groening]

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Disclaimer paraculo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.
L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a poderpopular[at]virgilio.it e saranno rimosse al più presto.


3 febbraio 2006

La morte al tempo dell'sms

Non mi era mai capitato che mi morisse qualcuno in rubrica.
Probabilmente è capitato a pochi: l'uso intensivo del cellulare è tipico di una generazione che, per ora, morti ne ha avuti pochi.
Ma è successo. Me ne sono accorto ieri, dopo quasi due mesi dalla morte di una persona a cui devo gran parte di quello che sono. Il suo nome e il suo cognome, storpiato scherzosamente, sono ancora lì, e lì è il suo numero di telefono. Chissà che fine ha fatto, quel numero? Il telefono l'avrà preso qualcuno, oppure sarà stato chiuso in cassetto, ma la sim? Dovrebbero seppellirla col morto, come avrebbero fatto nell'antico Egitto. Cosa identifica ormai una persona più del suo numero di cellulare? Potrebbe utilizzarlo qualcun altro? Non credo.
E se lo chiamo, che succede? Mi risponde la figlia, o mi passano direttamente l'aldilà?
«Pronto, centralino dell'Ade, sì, ora vedo se c'è, attenda in linea», e parte il Requiem di Mozart in midi...
Quindi cosa devo fare? Lo cancello? È che vedere "eliminato" sopra quel nome, proprio non mi va. A eliminarlo c'ha già pensato un brutto male, non c'è bisogno che mi ci metta anch'io.
Lo terrò lì, almeno per un po', poi si vedrà.
Però come si farà, fra qualche anno? Quando avremo 90 anni e intorno a noi conteremo più fantasmi che amici in carne e ossa? Spero che non esistano più i cellulari, per l'epoca.




permalink | inviato da il 3/2/2006 alle 20:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     gennaio        giugno
 

 rubriche

Diario
Radici (nel senso di quello rosso)
Teatrino
Conventicola
Briciole
Mondo

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Macchianera
Wittgenstein
Freddy Nietzsche
Sasaki Fujika
Spad
Mauro Biani
Carletto Darwin
Haramlik
Naufraghi a Galenzana
Guerilla Radio
Komsense
Soviet
WebRebelde
Reporters
Peacelink
Riccardo Orioles
La Brigata Lolli
Terrorpilots
Le suole delle scarpe
OneMoreBlog

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom