Blog: http://masaccio.ilcannocchiale.it

Suit om

Già il fatto di andare altrove, per Capodanno, è un segnale. Altrove le città sono piene di bar che sono pieni di persone che sono piene di alcol ma anche di quell'infantile voglia di divertirsi, una notte all'anno, che il nostro proverbiale stile ci vieta di vivere fino in fondo.
Siamo un popolo scazzato, si diceva commentando proprio quella notte. Un popolo che alle feste se ne sta in disparte, vicino a una finestra, di profilo, in controluce. Ma, insomma, di quel popolo bene o male si è parte.
E così quando si passano le Alpi, in quello strano posto dove i paesi hanno nomi come Arma di Taggia e i distributori di metano si nascondono oltre Albignola, si va in cerca di un giornale radio.
Sono quasi le 6, una notte di viaggio ha esaurito quasi ogni possibile combinazione tra gli 8 Gb di canzoni, e poi, dopo 5 giorni all'estero, uno vorrebbe anche sapere cosa succede a casa.
Bestemmiando non poco contro la splendida tecnologia digitale che ha tolto la rotellina dalle radio, e così per beccare una stazione se non sai la frequenza ci metti 10 volte tanto, si sente finalmente Rai1.
Inno nazionale, segnale orario, voci amiche. Che bello. Ecco il Gr. Prima notizia: la Spagna ci ha sorpassati in economia. Prodi: "Non è vero."
Tiro una botta al volante che mi fa quasi finire fuori strada. "Non è vero." Di fronte al fatto che il paese più simile all'Italia cresce a doppia velocità, il nostro presidente del consiglio dice che "non è vero". Si potrebbero analizzare i problemi, proporre vie d'uscita, magari anche difendersi, chiarire che in Spagna non è tutto ora quel che luccica, che stanno pagando con cementificazione e desertificazione questa crescita, si potrebbe addirittura azzardare che la crescita non è eterna e che dovremmo pensare a un altro modello di sviluppo. Niente di tutto questo. Come i bambini con le dita sporche di Nutella. "Non è vero, non sono stato io."
Seconda notizia: Ruini propone di cambiare la legge 194, Bondi presenta una mozione parlamentare che ricalca le parole del cardinale. Non commento, l'ha già fatto abbastanza bene Ale. Aggiungo solo che più di Ruini o della sua marionetta Binetti mi preoccupa chi sostiene la necessità del dialogo con loro. In Spagna non si dialoga con quella gente. Ci si confronta, cercando di sconfiggerla.
Terza notizia: in Campania spari per Capodanno, morti e feriti. Quarta notizia: in Campania roghi ai rifiuti, nonostante l'allarme lanciato dal farmacologo Garattini sul rischio diossina. La prima cosa che mi viene in mente è un pensiero indegno
(secessionesubitochebrucinoavvalenatidallaloroimmondiziastiteronimaleficicheammazzanolagentepergioco). La seconda, è uno scambio di sguardi col mio compagno di viaggio: ci giriamo?



Pubblicato il 5/1/2008 alle 14.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web